Melini Chianti: quando tradizione ed innovazione si incontrano

Ho aspettato tanto per questa recensione ma ho voluto portare questo vino sulla mia tavola per il giorno di Natale e condividerlo con i miei ospiti.

Poi malattie, incidenti ed altri grattacapi hanno prolungato ulteriormente il mio giudizio e la mia revisione.

Ma eccomi qui, a parlarvi della cantina Melini e del suo Chianti.

398849_299448413481035_1548595261_n

Melini è una casa vinicola che è riuscita ad unire nella propria storia tradizione ed innovamento.

Dal lontano 1705 infatti Melini si occupa di vinicoltura e negli anni ha saputo rinnovarsi  non solo per quanto riguarda i prodotti e le tecniche di produzione ma anche per il commercio dei prodotti stessi.

Un’azienda, insomma, che ha saputo coniugare assieme tutti gli aspetti più importanti, e che è riuscita a creare un’impresa degna di nota nel panorama dei vini italiani.

Ma veniamo ora alla produzione del Chianti. Melini infatti, propone tre tipi di Chianti ed in particolare:

  • Chianti Governo all’uso Toscano, un chianti della tradizione toscana ottenuto appunto con un vecchio metodo di rifermentazione
  • Chianti Riserva: con un affinamento di 18 mesi in botti di rovere
  • Chianti: il prodotto che ho avuto il piacere di provare e di cui vi parlerò ora

Innanzitutto un elogio alla confezione che fa di questo prodotto un vera e propria chicca, anche per un cadeau.

Parenti ed amici rimarranno senz’altro appagati da questo Chianti che si fa ammirare in tutta la sua “bellezza” all’interno di una pregiata scatola rossa che ricorda appunto il colore di questo vino

Ma veniamo alla degustazione che ho avuto il piacere di condividere, come vi dicevo sopra,  con i miei ospiti a Natale.

Racchiuso in una bella bottiglia che ricorda vagamente le fiasche di vino, questo chianti, come lo definisce la stessa Melini, è un vino morbido e piacevole dal tratto “moderno”.

Dal colore rubino che oserei definire “lucente” , questo vino lascia un gusto pieno e persistente in bocca,  con note di frutti di bosco e, mi perdoni l’azienda, arrischierei di dire un sentore finale di mandorla (sarà il mio palato bacato? 😀  )

All’olfatto mi risultano appunto profumi di mora e lampone ed un tocco fiorito di viola.

WP_20151227_18_46_52_Pro

A cosa l’ho abbinato? Non rimanete scandalizzati ma lo abbiamo gustato in tutta la sua bontà con un rotolino di Faraona che ho farcito con Speck  Porcini e Provola Affumicata.

Noi siamo rimasti soddisfattissimi, sia del vino che della Faraona 😀

Innanzitutto vi consiglio subito di visionare il loro sito perché è alquanto diverso dai soliti e di assoluto impatto. Bello, personale, un sito che, proprio come i loro vini, lascia trasparire tutto il carattere dell’Azienda Vinicola Melini.

Ed ovviamente un bel like alla loro pagina Facebook e seguiteli 😉

Annunci

7 commenti

  1. un buon piatto ed un buon vino sono davvero un accoppiata vincente, conosco il brand melini ma non ho mai provato questo vino che devo assolutamente assaggaire

    Mi piace

  2. Mi piace il chianti, vado a guardare il sito di Melini perchè mi è piaciuta molto la tua descrizione, vorrei saperne di più su questa azienda!

    Mi piace

  3. Cosa c’è di meglio che accompagnare un buon pranzo o una buona cena con un buon bicchiere di Chianti? Non conoscevo questa azienda ma devo dire che il loro vino mi sembra interessante e di gran qualità

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...